Slide

FUNDER35

Orlando manda Astolfo sulla Luna, per recuperare il senno. Noi abbiamo partecipato a Funder35.

Essere selezionati con il progetto Nemo Propheta ci ha dato la conferma che stavamo cercando rispetto alle azioni svolte finora, ci ha detto che non eravamo usciti di senno. E poi, soprattutto, ci ha dato lo slancio entusiasta per le azioni future. Abbiamo immaginato un programma di sviluppo che ci ha permesso di uscire da quell’aura di precariato che caratterizza le giovani imprese culturali. Tutto questo è stato possibile perché ci è stata data l’opportunità concreta di poterci fermare e staccare dalla frenesia della gestione per studiare con attenzione i nostri obiettivi. Funder35 è stata l’opportunità di riunirci e iniziare a progettare a lungo termine.

Per la prima volta, ci siamo relazionati a interlocutori che conoscono la nostra natura, la nostra conformazione, la nostra vocazione.
È più facile rispondere quando ti vengono poste le domande giuste.
L’atteggiamento positivo scaturito dalla vittoria di Funder35 ha già portato delle ricadute sul nostro lavoro. Ma la macchina è nel pieno del suo movimento: continuiamo a cercare le persone e le modalità migliori per proseguire!
Senza essere profeti forse, ma demiurghi del teatro che vogliamo.

2016 // Avvio della prima fase del programma
1) rinnovamento sito e immagine coordinata
2) creazione di una piattaforma di contatti per la distribuzione
3) stage di formazione di un mese per due membri della compagnia in una realtà nazionale di rilievo con l’obiettivo di apprendere confrontandosi sulle problematiche comuni del fare teatro.

Attuando questo programma Palinodie vuole stravolgere l’organizzazione interna della compagnia e avviare un processo di risoluzione della frattura che isola il contesto valdostano dalla scena teatrale italiana.

Con NEMO PROPHETA Palinodie mira a raggiungere una distinzione tra i compiti artistici e quelli organizzativo-gestionali e ad ampliare il proprio pubblico e i confini del proprio lavoro. Specialmente attraverso i viaggi di formazione, figure artistiche e organizzative potranno confrontarsi e conoscere le reciproche competenze affinché, nella necessaria divisione delle mansioni, vi sia un dialogo costante e informato volto a immaginare strategie comuni di sviluppo artistico ed economico della compagnia teatrale.

#noiFunder35